Racconti di italiani a Capo Verde: la storia di Alfio

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

la storia di AlfioAlfio nato ad Arezzo vive da 15 anni nella magnifica isola di Maio. Ex Ufficiale di Marina prima, imprenditore poi, nel 2000 una volta in pensione, decise di recarsi a Capo Verde insieme alla moglie.  “Abbiamo visitato l’intero arcipelago” racconta  “Sal, Boavista, São Nicolao, Santo Antão e poi le isole sud, Fogo e Santiago, ma quella che più ci è piaciuta è stata Maio”. E poi continua: “l’isola di Maio è un perimetro di spiagge magnifiche e deserte assolutamente uniche. E credetemi a dirlo è un Ufficiale di Marina che ha girato il mondo! Ci siamo innamorati della tranquillità di questi luoghi e dell’ospitalità della sua gente a tal punto da decidere di trasferirci. Comprammo una vecchia e fatiscente casa capoverdiana, la demolimmo e costruimmo la nostra. Era la casa dei sogni. La immaginammo con una grande terrazza con affaccio sull’oceano, il luogo ideale per me che amo scrivere poesie, prevedemmo 4 camere da letto, una per noi e le altre per gli amici e nel bel mezzo realizzammo un grande quintal ricco di piante tropicali.

Ma i la storia di Alfionostri amici non vennero mai a trovarci e dopo qualche anno mia moglie suggerì di farne un Bed and Breakfast. Nacque così il Jardin do Maio, il più bel B&B che l’isola abbia mai conosciuto.
“Da Ufficiale di Marina diventai un ristoratore e sperimentai un contatto umano mai provato. Qui arrivano clienti, ma quando vanno via sono tutti miei amici”.